Natura giuridica della divisione - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

La natura giuridica della divisione ereditaria

La questione della natura giuridica della divisione ereditaria ha visto nel tempo diverse interpretazioni da parte della giurisprudenza, che inizialmente, seguendo il tenore dell'articolo 757 del codice civile, ha attribuito alla divisione un carattere dichiarativo e retroattivo, escludendo l'efficacia traslativa. Ciò significa che la proprietà del bene assegnato ad ogni condividente era considerata originarsi non dall'atto di divisione ma dal titolo precedente che fondava la comunione, successivamente sciolta dalla divisione.
Tuttavia, un significativo orientamento giurisprudenziale più recente delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione ha qualificato gli atti di scioglimento della comunione ereditaria come aventi una natura costitutivo-traslativa, non più meramente dichiarativa. Questa prospettiva segna un'evoluzione nell'interpretazione dei rapporti giuridici scaturenti dalla divisione, sottolineando come essa produca effetti concreti sulla trasmissione dei diritti sui beni.
Il processo di divisione ereditaria giudiziale non viene considerato un atto mortis causa, bensì trae origine dalla morte di un soggetto come causa remota. Esso comprende una fase dichiarativa, mirata all'accertamento della comunione e del diritto di chiederne lo scioglimento, e una fase esecutiva, che realizza la divisione fisica dei beni comuni in porzioni individuate.
Sul piano funzionale, sia l'assegnazione dei beni che l'eventuale conguaglio non rientrano nella sfera delle negoziazioni sinallagmatiche commutative tipiche degli scambi tra vivi. In particolare, quando i coniugi in regime di comunione legale acquisiscono quote di proprietà durante il matrimonio, tale acquisizione è inquadrata specificatamente dalla normativa.
La dottrina offre variegate interpretazioni sulla natura della divisione: da atto traslativo, a surrogazione reale, a proprietà incerta, fino a considerarla un atto dalla natura complessa, con effetti modificativo-traslativi per quanto riguarda le garanzie, ma dichiarativo per la titolarità dei beni. Alcuni autori la vedono come un fenomeno novativo, che sintetizza un effetto estintivo della comunione preesistente e un effetto costitutivo di nuovi diritti individuali sui beni.
Queste diverse prospettive riflettono la complessità e la varietà di effetti giuridici che la divisione ereditaria può produrre, evidenziando la ricchezza del dibattito dottrinale e giurisprudenziale in materia.
Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti