Disposizioni lesive della legittima e la loro conferma - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

Disposizioni Lesive della Legittima e la loro Conferma nel Contesto Testamentario

Nel contesto delle disposizioni testamentarie, è ampiamente riconosciuto che la conferma o l'esecuzione volontaria non hanno efficacia nei confronti delle disposizioni lesive della legittima. Questo perché tali disposizioni non sono considerate nulle, ma piuttosto soggette a riduzione tramite l'azione prevista dall'articolo 554 del codice civile.

È importante sottolineare che, sebbene il legittimario leso abbia la possibilità di rinunciare all'azione di riduzione, questa rinuncia non equivale alla conferma della disposizione lesiva. La differenza risiede nel mezzo tecnico impiegato, pur perseguendo lo stesso scopo.

La giurisprudenza ha consolidato questo approccio, escludendo la possibilità di confermare disposizioni che ledono la legittima, poiché i benefici della conferma previsti dall'articolo 590 si applicano esclusivamente alle disposizioni testamentarie nulle. Di conseguenza, l'esecuzione volontaria da parte del legittimario non impedisce di per sé l'esercizio dell'azione di riduzione, a meno che non sia stata espressa, anche tacitamente, la volontà di rinunciare all'integrazione della legittima.

In alcuni casi, la rinuncia può essere dedotta da un insieme di elementi concordanti che indicano la consapevolezza, da parte del legittimario, dell'eccesso della disposizione testamentaria rispetto ai limiti della porzione disponibile, unitamente all'esecuzione integrale della disposizione stessa.
Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti