L'impugnazione del patto di famiglia - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

L'Impugnazione del Patto di Famiglia: Procedure e Condizioni per l'Annullamento del Contratto

In base all'articolo 768 quinquies, comma 1 del codice civile, il patto di famiglia può essere impugnato dai partecipanti, come previsto dall'art. 1427 c.c., mediante un'azione di annullamento del contratto.
Questa azione di annullamento è permessa in presenza di specifiche circostanze, quali errore, violenza e dolo. Tuttavia, i motivi di annullamento previsti dagli articoli 1425 c.c. e 1426 c.c. sono esclusi da tale procedura.
La ragione di tale esclusione risiede nel requisito formale che il patto di famiglia deve essere stipulato attraverso la forma solenne dell'atto pubblico, come imposto dall'art. 768 ter c.c. per la sua validità. Questa formalità riduce significativamente il rischio di contrarre con una persona legalmente incapace ai sensi dell'art. 1425 c.c. o con un minorenne che ha nascosto la sua età ai sensi dell'art. 1426 c.c.
È importante notare che, secondo l'art. 768 quinquies, comma 2 c.c., l'azione di annullamento del patto di famiglia è sottoposta a un termine di prescrizione di un anno dalla scoperta del vizio che ne giustifica l'impugnazione.
Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti