La condizione risolutiva nel testamento - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

La condizione risolutiva nel testamento

Nel contesto delle disposizioni testamentarie, l'apposizione di una condizione risolutiva comporta effetti specifici sulla delazione e sulla gestione dell'eredità. Quando una disposizione testamentaria è soggetta a tale condizione, la delazione avviene immediatamente, consentendo al beneficiario di accettare l'eredità come se la disposizione fosse stata formulata senza condizioni. Tuttavia, in virtù del principio di retroattività, l'evento condizionale, una volta verificatosi, determina che la delazione a favore del beneficiario sia considerata come non avvenuta. Di conseguenza, qualsiasi atto dispositivo effettuato dal beneficiario diviene caduco.

Gli atti compiuti dal beneficiario rimangono validi solo se avrebbero potuto essere realizzati sotto garanzia. Inoltre, il beneficiario può essere tenuto a rispondere per aver adempiuto a un legato in misura superiore a quanto specificato dal testatore. La giurisprudenza ha sottolineato l'immediatezza della delazione, indicando che, fino al verificarsi della condizione, il beneficiario sotto condizione risolutiva è considerato erede effettivo e non meramente nominale, a meno che non continui ad agire e a essere generalmente riconosciuto come erede anche dopo l'avveramento della condizione.

Di conseguenza, i terzi che acquistano beni dall'istituito sotto condizione risolutiva non possono invocare l'usucapione decennale dei beni ereditari. Una clausola che preveda l'inadempimento di un obbligo come condizione risolutiva della disposizione costituisce una clausola risolutiva espressa, la quale non trova applicazione qualora l'inadempimento non sia imputabile all'obbligato.

In presenza di una vocazione testamentaria condizionata risolutivamente, il termine per l'accettazione dell'eredità da parte del successivo chiamato inizia a decorrere dal momento in cui si verifica la condizione. Questa disposizione normativa assicura che la gestione dell'eredità rifletta accuratamente la volontà del testatore, rispettando i termini da lui stabiliti nel testamento.
Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti