L'azione di riduzione recuperatoria verso terzi - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

La Terza Azione di Riduzione: Rivolta ai Terzi Subacquirenti


La terza azione nell'ambito delle misure di tutela dei diritti dei legittimari si distingue per la sua finalità recuperatoria e si attiva in presenza di una particolare condizione: l'alienazione dei beni, oggetto delle disposizioni lesive, a favore di terzi. Questa azione si rivolge, quindi, ai terzi subacquirenti che hanno acquisito i beni dal beneficiario iniziale, evidenziando l'ampio raggio di applicazione dell'azione di riduzione, che si estende oltre il cerchio dei diretti interessati dal contesto successorio e stabilisce un legame con il de cuius.

È importante sottolineare che la possibilità di recuperare il bene da terzi subacquirenti è condizionata dall'insufficienza patrimoniale del donatario originale a coprire la quota di legittima lesa. Le recenti modifiche legislative, introdotte dal D.L. 14 marzo 2005, n. 35, convertito con modifiche dalla Legge 14 maggio 2005, n. 80, e successivamente integrate dalla Legge 28 dicembre 2005, n. 263, hanno apportato significative innovazioni agli articoli 561 e 563 del codice civile, incidendo sulla procedura e sulle tempistiche dell'azione di riduzione.

In particolare, è stato introdotto un limite temporale specifico per l'esercizio dell'azione di riduzione che mira a liberare il bene oggetto di donazioni lesive della legittima da ipoteche e altri oneri. Tale azione deve essere intrapresa entro venti anni dalla trascrizione della donazione. Dopo questo termine, l'acquisto da parte del terzo e l'iscrizione delle garanzie reali diventano incontestabili.

Per quanto riguarda i frutti del bene, questi sono dovuti dal momento della proposizione dell'azione giudiziale, come precisato nella recente giurisprudenza. Analogamente, l'articolo 563 del codice civile prevede un limite temporale di venti anni per l'azione recuperatoria nei confronti dei terzi in caso di successiva alienazione del bene donato, previa escussione del donatario.

In aggiunta, il legittimario gode di una protezione specifica che gli consente di opporsi alla donazione mediante una notifica speciale al donatario. Questo strumento garantisce al legittimario lesso la facoltà di avviare l'azione di riduzione anche oltre il limite dei venti anni stabiliti dagli articoli 561 e 563 del codice civile, a condizione che la liberalità donativa sia stata contestata dopo la morte del donante.

Questa panoramica sulle azioni di riduzione sottolinea la complessità e l'importanza delle misure a protezione dei diritti dei legittimari, evidenziando le sfide legali e procedurali nella tutela delle loro quote di legittima in contesti di disposizioni testamentarie e donazioni lesive.
Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti