Differenza tra divisione del testatore e institutio ex re certa - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

L' Institutio Ex Re Certa e la Divisione Testamentaria: Differenze e Interpretazioni Giuridiche

La differenza tra l'attribuzione derivante dalla divisione effettuata dal testatore, come delineata dall'articolo 734 del codice civile, e quella ex re certa, ai sensi del secondo comma dell'articolo 588 del codice civile, è sostanziale e merita un'analisi approfondita per comprenderne le implicazioni legali.

Divisione Effettuata dal Testatore (Art. 734 c.c.)
Scopo: La divisione testamentaria ha lo scopo di regolare la distribuzione dei beni dell'asse ereditario. Tale divisione si concentra sulla tutela dei legittimari e sull'equilibrio nelle porzioni assegnate a ciascun coerede.
Natura: È una disposizione che mira a disciplinare la funzione distributiva dei beni, anticipando l'istituzione d'erede per quote.
Istitutio Ex Re Certa (Art. 588 c.c.)
Funzione Interpretativa: Serve come regola interpretativa per distinguere tra istituzione d'erede e legato, stabilendo che l'indicazione di beni determinati non esclude l'attribuzione a titolo universale qualora il testatore intenda assegnarli come quota del patrimonio.
Natura: Non è una disposizione distributiva ma piuttosto un criterio ermeneutico per determinare la natura della disposizione testamentaria.
Punti di Analogia e Differenza
Analogia: Entrambe le disposizioni possono contemplare l'assegnazione di singoli beni ereditari senza escludere un'attribuzione a titolo universale.
Differenza: La principale distinzione risiede nel fatto che la divisione ex art. 734 c.c. è preceduta da un'istituzione d'erede per quote, mentre l'art. 588 c.c. affronta la mancanza di predeterminazione di quote, aprendo la questione sulla natura del lascito.
Rescissione per Lesione e Assegno Divisionale Semplice
Rescissione per Lesione: La mancanza di predeterminazione delle quote nell'institutio ex re certa esclude l'applicabilità della rescissione per lesione oltre il quarto, tipica della divisione testamentaria.
Distinguere tra Institutio Ex Re Certa e Assegno Divisionale: È possibile che il testatore indichi beni determinati senza però realizzare un'istituzione d'erede ex art. 588 c.c. (Cass. Civ. Sez. II, 4131/76).
Conclusioni
L'interpretazione e l'applicazione dell'institutio ex re certa e della divisione testamentaria richiedono un'attenta analisi del testamento e delle intenzioni del testatore. La comprensione delle quote ereditarie e delle modalità di assegnazione è fondamentale per determinare la corretta applicazione di queste disposizioni.

Giurisprudenza
Cass. Civ. Sez. II, 4131/76
Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti