L'onere probatorio nell'azione petititoria - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

Il regime semplificato dell'azione di petizione ereditaria

L'azione di petizione si distingue per un carico probatorio notevolmente semplificato, conferendo all'erede un mezzo di tutela particolarmente efficace. Per sostenere la propria causa, l'erede è tenuto a dimostrare tre aspetti fondamentali:

  1. L'avvenuta apertura della successione, attestata dalla morte del de cuius;
  2. La propria qualificazione come erede, sia essa derivante da una vocazione legittima o da un'espressa disposizione testamentaria, prescindendo dalla necessità di dimostrare l'accettazione dell'eredità;
  3. L'appartenenza al patrimonio ereditario dei beni detenuti dal convenuto.

Nel caso in cui l'attore basi la propria rivendicazione sulla successione legittima, è suo onere allegare e, se contestato, comprovare il legame di parentela con il defunto. Se, d'altro canto, il convenuto presenta un titolo prioritario o addirittura preclusivo, come quello derivante da una successione testamentaria, quest'ultimo, seguendo il principio "reus in excipiendo fit actor" (il convenuto che eccepisce diventa attore), assume l'onere della prova, che può essere adempiuto tramite la presentazione del testamento.


È opportuno sottolineare che la presentazione del certificato di stato di famiglia è considerata un mezzo idoneo per attestare il rapporto di parentela invocato, e quindi la qualifica di soggetto presumibilmente designato come erede.

Recentemente, la Corte di Cassazione ha fornito chiarimenti riguardo le differenze nell'onere probatorio tra la petizione ereditaria e la rei vindicatio. In quest'ultimo caso, l'attore è tenuto a dimostrare la proprietà del bene mediante una catena di trasferimenti legittimi per il periodo necessario all'usucapione.

La dottrina si divide sull'interpretazione dell'accertamento della qualità di erede nell'ambito dell'azione: secondo alcuni, questo aspetto è implicitamente incluso nel petitum dell'azione stessa, mentre altri sostengono che la legge estende l'effetto del giudicato anche alla questione pregiudiziale concernente il titolo ereditario.

Per maggiori dettagli o assistenza legale, si invita a contattare il nostro studio.
Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti