La domanda di divisione parziale - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

La domanda di divisione parziale dell'eredità

La domanda di divisione dei beni in comunione, sia essa ereditaria che ordinaria, prevede il principio dell'universalità: ogni elemento del patrimonio comune deve essere diviso tra tutti i partecipanti alla comunione. Questo principio, tuttavia, non è inflessibile, ammettendo la legge la possibilità di deroghe attraverso la divisione parziale. Tale opzione, pur non essendo espressamente menzionata nella normativa, è riconosciuta sia dalla dottrina che dalla giurisprudenza come pratica legittima, sia per i beni comuni (divisione parziale oggettiva) sia per i soggetti partecipanti (divisione parziale soggettiva o per stralcio di quota).
La divisione parziale può avvenire sia su accordo di tutte le parti coinvolte, sia su iniziativa giudiziale, quando la domanda non viene estesa a tutti i beni o a tutti i partecipanti. Tuttavia, l'assenza di un consenso esplicito tra i condividenti, in caso di contumacia di uno di essi, non può essere interpretata come accettazione della divisione parziale.
Il giudice, nel pronunciarsi sulla divisione, è vincolato alle richieste delle parti. Pertanto, se viene proposta una divisione parziale, non può estendere la sua decisione oltre quanto richiesto senza eccedere il suo mandato. Inoltre, la possibilità di effettuare divisioni parziali successive o una divisione totale successiva lascia intravedere l'importanza di considerare ciascuna divisione parziale come definitiva e autonoma, non influenzata da possibili divisioni future.
Questo approccio riconosce a ogni divisione parziale effettuata l'efficacia di uno scioglimento definitivo della comunione per i beni o per i soggetti specificamente coinvolti, con la trasformazione del diritto sulla cosa comune in diritto di proprietà individuale sul bene o sulla porzione di bene attribuita.
Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti