La diseredazione - Avvocato Pedrazzoli

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Piazza Castello 1

Antonio Pedrazzoli

Avvocato per Eredità e Successioni

Milano - Torino - Novara

Avv. Antonio Pedrazzoli

Torino - Corso Re Umberto 97

Milano - Torino - Novara

Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Milano - Piazza Castello 1
Avv. Antonio Pedrazzoli
Antonio Pedrazzoli
Avvocato per Eredità e Successioni
Torino - Corso Re Umberto 97
Milano, Piazza Gae Aulenti n. 1
Milano, Piazza Gae Aulenti n.1
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Novara, Rotonda Massimo d'Azeglio n. 11
Vai ai contenuti

La Diseredazione nel Diritto delle Successioni: Un'Analisi Giuridica, Dottrinale e Giurisprudenziale

La diseredazione è definita come la disposizione testamentaria, di contenuto negativamente connotato, attraverso la quale il testatore esclude dalla propria successione un determinato soggetto che altrimenti sarebbe un successore legittimo. Questo tema solleva questioni significative in ambito giuridico, specialmente in relazione agli eredi necessari.

Nozione e Ambito del Problema
La diseredazione è una figura giuridica particolare, avente come oggetto l'esclusione di un soggetto, che può essere un estraneo, un successibile ex lege, o un legittimario, dall'eredità. Si distingue dalla preterizione, in cui l'esclusione non è sempre certa. La questione si complica quando la volontà di diseredare riguarda un legittimario, in quanto essi hanno diritto a una quota necessaria dell'asse ereditario.

Teorie sulla Diseredazione
a. Teoria dell'Ammissibilità: Sostiene che la diseredazione esplicita sia ammissibile in virtù dell'autonomia negoziale del testatore (art. 1322 cod.civ.), ritenendo valida la disposizione negativa. Secondo questa teoria, una clausola di diseredazione può essere considerata come un'istituzione implicita di erede a favore di altri successibili per legge. La giurisprudenza recente sembra supportare questa visione, come evidenziato dalla Cass. Civ., Sez. II, 8352/12 e 26062/2018.
b. Teoria Intermedia (Istituzione Implicita): Propone un'interpretazione in cui la diseredazione non è vista come una disposizione autonoma a carattere negativo, ma piuttosto come un'istituzione implicita dei successori ex lege, escludendo il diseredato.
c. Teoria Negativa Prevalente: Negando la possibilità di una diseredazione espressa, questa teoria sostiene che il contenuto del testamento debba essere esclusivamente attributivo, come indicato dall'art. 587 cod.civ. La Cass.Civ. Sez. II, con le sentenze 1217/75 e 5895/94, rafforza questa interpretazione.

Rapporti tra Diseredazione e Rappresentazione
La questione della rappresentazione in caso di diseredazione vede due principali orientamenti. Una parte della dottrina ritiene che la rappresentazione non operi in caso di diseredazione, poiché il rappresentante deve invocare il titolo del rappresentato, escluso dalla diseredazione. Al contrario, un'altra parte sostiene che la rappresentazione trovi fondamento in una designazione virtuale del rappresentato, non influenzata dalla sua concreta vocazione.

Conclusioni Pratiche
Un esito pratico simile alla diseredazione potrebbe essere ottenuto attraverso dichiarazioni testamentarie del testatore riguardanti liberalità già effettuate in vita al legittimario. Tuttavia, tali affermazioni necessitano di una prova concreta, come sottolineato dalla Cass. Civ., Sez. II, 11737/13.

Giurisprudenza rilevante:
Cassazione Civile, Sezione II, Sentenza n. 1217/75
Argomento: Interpretazione dell'art. 587 cod.civ. e la nullità della clausola di diseredazione nel testamento.
Tribunale di Reggio Emilia, Sentenza del 27/09/2000
Argomento: Analisi della validità e dell'efficacia della clausola di diseredazione.
Cassazione Civile, Sezione II, Sentenza n. 8352/12
Argomento: Riconoscimento della validità della clausola di mera diseredazione di un successibile ex lege non legittimario.
Cassazione Civile, Sezione II, Sentenza n. 26062/2018
Argomento: Validità della clausola di diseredazione e conseguenze sulla successione.
Cassazione Civile, Sezione II, Sentenza n. 5895/94
Argomento: Interpretazione delle clausole di diseredazione come disposizioni attributive.
Cassazione Civile, Sezione II, Sentenza n. 6339/82
Argomento: Limiti all'uso di prove testimoniali per chiarire disposizioni testamentarie ambigue.
Cassazione Civile, Sezione II, Sentenza n. 11737/13
Argomento: Necessità di prova concreta per affermazioni testamentarie riguardanti liberalità già effettuate in vita al legittimario.


Avvocato Antonio Pedrazzoli
Partita IVA: 02073100030
Copyright © 2008 - 2024 Pedrazzoli
Torna ai contenuti